Sicurezza sociale e salute

La povertà colpisce le donne più pesantemente degli uomini
Spesso la povertà delle donne è una conseguenza della ripartizione del lavoro effettuata in funzione del sesso. Su questa base le donne percepiscono un reddito da attività lucrativa minore e svolgono, in misura ampiamente superiore agli uomini, lavori non retribuiti come l'accudire i figli, la gestione dell'economia domestica e la cura di familiari malati, disabili o anziani. Paragonata agli altri Stati, l'attuale assicurazione maternità risulta modesta. La previdenza per la vecchiaia e l'invalidità si rifà in primo luogo all'attività professionale. Ciò si ripercuote negativamente sulle donne e si traduce direttamente nel diritto a rendite inferiori.

Povertà dopo la separazione e il divorzio
Le separazioni e i divorzi causano un maggiore fabbisogno esistenziale, in quanto devono essere gestite due distinte economie domestiche. Al contempo, per molte donne le opportunità di un reddito più elevato grazie all'estensione dell'attività sono limitate: la cura dei figli, le precedenti pause professionali e un impiego di minore ampiezza producono effetti negativi. Se il reddito non è sufficiente per far fronte alle esigenze di due economie domestiche (cosiddetti casi di carenza), con la prassi giuridica attualmente ancora dominante le donne divorziate e i loro figli devono fare affidamento sull'assistenza sociale più frequentemente degli uomini divorziati.

Per un’equa ripartizione fra i sessi delle conseguenze economiche della separazione e del divorzio [Raccomandazioni] (PDF, 55 kB, 17.02.2009)Raccomandazioni della CFQF all’attenzione degli studi legali, dei tribunali, delle autorità preposte all'assistenza sociale e del mondo politico. Berna: 2007, 3 p., I/F/D

Mantenimento dopo il divorzio - sostegno ai parenti - assistenza sociale [sintesi] (PDF, 131 kB, 05.02.2009)Quando il reddito familiare dopo la separazione o il divorzio è insufficiente per due economie domestiche: giurisprudenza e necessità di attuare delle modifiche laddove si riscontrano carenze. Studio commissionato dalla CFQF. Autrice: Elisabeth Freivogel. Sintesi dello studio. Pubblicato in «Questioni femminili» 1.2007, 14 p., I/F/D

Nachehelicher Unterhalt - Verwandtenunterstützung - Sozialhilfe [Integralfassung] (PDF, 211 kB, 05.02.2009)Wenn das Einkommen nach Trennung oder Scheidung nicht für zwei Haushalte ausreicht: Rechtsprechung und Änderungsbedarf bei Mankofällen. Eine Analyse von Gerichtsurteilen, Sozialhilfegesetzgebung und -praxis, erstellt im Auftrag der Eidgenössischen Kommission für Frauenfragen. Autorin: Elisabeth Freivogel. Bern: 2007, 79 S., D

Altri pareri e pubblicazioni della CFQF

Assicurazioni sociali: AVS, AI, LPP

Initiative populaire pour un âge de l’AVS flexible: La CFQF, pour des raisons tactiques, plaide en faveur d'un oui (PDF, 45 kB, 02.12.2009)Déclaration orale d’Etiennette J. Verrey, présidente de la Commission fédérale pour les questions féminines CFQF à l’occasion de la conférence de presse du 20 octobre 2008, à Berne, de l’Alliance des femmes pour l'âge de l'AVS flexible

2.3 AVS e LPP (PDF, 72 kB, 17.11.2015)Donne Potere Storia 2001–2015

Interruzione della gravidanza

3.8. Interruzione della gravidanza, 9 pagine (PDF, 89 kB, 08.06.2011)Storia della parità: Donne Potere Storia 1848 - 2000

Ulteriori informazioni

https://www.ekf.admin.ch/content/ekf/it/home/themen/diritti-economici--sociali-e-culturali/sicurezza-sociale-e-salute.html